Francesca Cabibbo e Giovanni Criscione illustrano i servizi di Inpress

Ragusa – Lo scorso 29 dicembre Inpress ha festeggiato due importanti avvenimenti con un incontro aperto ad amici e clienti: l’inaugurazione della nuova sede, ubicata al civico 93 della centralissima via Dante Alighieri, e i dieci anni di attività. Il fondatore Giovanni Criscione, storico e giornalista, ha illustrato nel corso di un rapido excursus, il passato, il presente e il futuro dell’azienda. «Nel 2007 – ha raccontato – stanco della precarietà che regnava negli ambienti dell’università, nella scuola e nelle redazioni dei giornali, decisi di dare una svolta alla mia vita lavorativa. Poiché sui quotidiani avevo scritto di arte, musica, libri, teatro e cultura, sapevo che in questi settori c’erano piccole realtà di buon livello, talvolta anche di eccellenza, che tuttavia non trovavano un adeguato spazio sui giornali e sui siti web di informazione. Non per colpa dei giornalisti, ma perché non comunicavano o lo facevano in modo inadeguato. Così creai un ufficio stampa che li facesse uscire dall’ombra, portando le loro attività all’attenzione degli organi di informazione. All’inizio fu un’attività secondaria e collaterale, rispetto alle altre che svolgevo. Ma nel 2009 avevo esteso il raggio d’azione alle province di Siracusa e Catania». Nel 2010 Inpress diventa una ditta individuale e apre un ufficio a Modica, in via Assì 13, non lontano dalla casa dove è nato Salvatore Quasimodo.

«Fu allora che questa divenne per me una professione – continua il fondatore – Da qui la necessità di garantire determinati standard, di pormi precisi obiettivi. Ideai nuovi prodotti e servizi, come le storie d’impresa, che ancora oggi rappresentano la punta di diamante della nostra offerta. Si tratta di libri che raccontano, attraverso documenti e ricerche d’archivio, la storia di imprese attive da più generazioni e delle famiglie di imprenditori che le hanno portate al successo. Prodotti culturali per noi che li realizziamo; strumenti di marketing per chi ce li commissiona. Oltre a raccontare l’identità e la storia delle aziende, infatti, forniscono l’occasione per eventi, promozioni, presentazioni, articoli e recensioni sui media, partecipazioni a convegni e premi di saggistica».

Dal 2016 Inpress è divenuta una srl semplificata, con l’ingresso di due soci: Francesca Cabibbo e Gianni Contino. In questi anni, dunque, l’attività ha cambiato pelle. Oggi il suo segmento di mercato è costituito da associazioni, gruppi politici, cooperative sociali, start up, reti di imprese, consorzi. Realtà diverse ma accomunate dall’esigenza di raccontarsi, di accendere i riflettori su ciò che fanno, di far sentire la loro voce all’opinione pubblica sui temi per i quali hanno interessi e competenze specifiche. Un’esigenza, questa, che Inpress soddisfa attraverso diversi servizi: dai comunicati alle rassegne stampa, dai video aziendali alle storie d’impresa, dall’organizzazione di eventi al brand journalism.

«Quest’anno – spiega – abbiamo diffuso oltre 130 comunicati. L’80% in Sicilia, il restante 20% nelle altre regioni d’Italia, in particolare Lombardia e Veneto. Questo ci rende particolarmente orgogliosi, poiché ci consente di far conoscere fuori dall’isola le eccellenze della cultura e dell’imprenditoria del nostro territorio».

Nel suo intervento, la Cabibbo ha sottolineato l’importanza della professionalità e dell’autorevolezza dell’ufficio stampa, anche per contrastare il fenomeno delle fake news. La giornalista ha poi commentato alcuni video realizzati con taglio giornalistico e documentario, in occasione di anniversari aziendali e progetti sociali.

Molte le novità in vista del 2018. La prima riguarda proprio la nuova sede. Che apre i propri spazi al coworking. È un nuovo stile lavorativo che consente a professionisti e freelance, che svolgono attività indipendenti, di condividere lo stesso ambiente di lavoro. Oggi il lavoro sta cambiando: è sempre più flessibile, più nomade e meno strutturato. E cambiano anche i luoghi dove si lavora. Ci sono programmatori, grafici, copywriter, social media manager, ecc. che lavorano a casa, altri che necessitano di luoghi dove riunirsi o incontrare un cliente. La nuova sede, con quattro postazioni riservate al coworking, viene incontro all’esigenza di tagliare i costi (noleggiare per un giorno o una settimana al mese un ufficio in centro, arredato di tutto punto, costa meno che affittare un immobile, registrare un contratto pluriennale, allacciare le utenze, arredarlo, ecc.) e attivare network relazionali, uscendo dall’isolamento e sfruttando le nuove occasioni di business derivanti dalla sinergia con altri professionisti.

Per offrire un nuovo servizio ai propri clienti, Inpress ha allestito uno spazio per le conferenze stampa, ma che può trasformarsi in un’aula di formazione per piccoli gruppi. Altre importanti novità, infine, riguardano il partenariato in esclusiva per la Sicilia con un’azienda campana che si occupa di web e marketing digitale e l’attivazione di corsi e attività di formazione nei settori di competenza. Al termine della serata, lo staff dell’ufficio stampa ha offerto un rinfresco ai propri ospiti, brindando a un felice e prospero 2018.

Inpress inaugura la nuova sede e festeggia i dieci anni di attività